Le 5 frasi migliori del mio coach di MTB

Gli anni che ho passato correndo in MTB sono stati di sicuro fra i più belli della mia vita. Voglio dire, è oggettivamente solo grazie alla bici se non mi sono impiccato o ho fatto una strage in classe, alle superiori. Ci allenavamo in 4: io, Gas, il nostro coach Sergio e Cecio (un suo amico).
Sergio, che si faceva chiamare da noi “il Nonno”, aveva 46 anni (“mai sposarsi prima dei 46 anni”) e una forma fisica smagliante. Come coach era bravissimo.
Riusciva a capire quando era il momento di essere duro, riusciva a motivarci, a farci ridere, e soprattutto, a dare un peso a quello che dicevamo. Quando finivo le 5 ore in quella gabbia di mediocrità e stupidità del liceo, potevo pedalare e farmi scorrere le cose addosso. Se durante una salita rimanevo zitto e mi isolavo, il Nonno con uno sguardo capiva e mi lasciava fare. Era uno dei pochi che dava un peso a quello che dicevamo. inoltre era completamente fuori di testa.  Si, di sicuro quello è stato uno dei periodi più belli della mia vita.

Bando alle ciance. Basta parlare di ricordi malinconici e sdolcinati. Questa  è la top 5 (assolutamente non esaustiva, anzi probabilmente sono solo le prime che mi vengono in mente) cazzate del nonno che non ho mai dimenticato:

1) “La giornata era scura, la gara era dura, la gamba del Nonno…faceva paura”
Il Nonno ci mette in guardia riguardo la sua condizione fisica in previsione della prossima gara, mentre ci alleniamo sulle bici da spinning in palestra.

2) “Signori, trasmissioni chiuse. Silenzio stampa.” 
Il Nonno dopo il primo tornante di una salita molto dura.

3) “Signora io sono un mammifero. Mi piacciono le mamme.”
Commento del Nonno rivolto a una signora ai bordi della strada, mentre ci allenavamo.

4) “Oh, se alla prossima curva freni, me te scopo. Ti salto sopra.” 
Il Nonno conquista il suo ennesimo titolo regionale ciclocross convincendo l’unico corridore che gli era davanti a non frenare nella curva a gomito prima dell’arrivo.

5) “Ragazzi. Se invece di comprare una bicicletta questi soldi li spendevate andando a puttane, adesso stareste ancora camminando a zampe larghe. Invece siete delle mezze seghe su una bicicletta troppo costosa”
Il Nonno a riguardo una nostra prestazione sotto le aspettative in Coppa Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.