nuotare (fine sett 17/18 Finale Ligure e fine sett Pinarella 24/25 (FC) )

Ok, sto provando a darci dentro col nuoto.
Ho passato un weekend a Finale Ligure due settimane fa, e devo dire che è stato una bomba. Non ero mai stato a Finale e non mi aspettavo un mare così bello, sembrava di essere in un piscinone tutto mio, con l’acqua trasparente e nessuno in mare.
image
Qualche tedesco che si faceva il bagno veloce, gli italiani schierati in spiaggia a prendere il sole, ma comunque poca gente. Ho trovato un camping molto carino, si chiama “il Mulino”, ve lo consiglio, si può dormire sotto degli ulivi. Normalmente preferisco l’illegale campeggio selvaggio, ma non c’era nessuno dentro, quindi sono stato molto bene.
image

Ho nuotato e nuotato. Ho trascinato il mio corpo avanti nell’acqua utilizzando le spalle, pensando ad altro, mentre il naso mi si congelava per il freddo e il sale. Ho tolto la muta, mi sono scaldato un po’, sono andato in paese a comprare mirtilli e banane e poi sono tornato in spiaggia. Ho mangiato tutto, ho rinfilato la muta ed ho ricominciato a nuotare, cantando i La Quiete dentro me. 
Tornando in campeggio mi sono goduto lo scorrere dei pensieri steso sul prato, guardando il sole andare giù e ho ascoltato le voci di due tedeschi (gli unici altri ospiti nel camping vicino a me) parlare per un po’, senza capire una parola. 

Il mattino dopo sono tornato in spiaggia. Mi sono fatto l’immancabile foto alle gambe stile hot-dog da mandare ai miei che non sentivo da qualche giorno, scrivendogli va tutto benone. 
Ho ricevuto anche un messaggio da Marco Vendramel che mi ha fatto un sacco piacere. 

image

Poi ho nuotato ancora un po’, ma il ginocchio iniziava a farsi sentire, e il mare era gonfio. Sbattevo la faccia su ogni onda e sembrava di essere su un tapis roulant, dove facevo sforzo pur rimanendo fermo. Ho faticato, è stato bello.
image

Quindi ho fatto una passeggiata, ho steso la muta ad asciugare e ho osservato le goccioline condensarsi ed evaporare. 

Altro nuoto il weekend appena passato, a Pinarella di Cervia (FC). Mi sono messo d’accordo con i miei per scambiarci la macchina con il mio mezzo trasloco dentro (questo weekend mollerò Novara) e ripartire con il pick-up di mio babbo (e l’altro messo trasloco) verso casa. 
Cosa dire? il primo giorno ho provato a nuotare e dopo 5 minuti avevo preso dieci meduse in faccia. Erano grosse e già morte, quindi innocue, il bagnino mi ha detto che vengono dai mari caldi e arrivano qui già morte. 
Ad ogni modo la situazione era piuttosto grottesca. Quindi ho mollato. Bè ok, il mare da quelle parti fa schifo, la gente è troppa e il livello di tamarraggine esagerato. Le cresce e le piadine sono buone, i campeggi sono pieni di gente con camper enormi e tende che somigliano a case, la pineta non è niente male. 
Il mattino dopo mi sono svegliato alle 3 perché pensavo all’Angi. Le ho scritto una mail (è un anno che mi ha scaricato e non ci siamo mai praticamente parlati), semplicemente non sono riuscito a trattenermi. Poi mi sono alzato verso le 5 e sono riuscito a nuotare un’ora e mezza, il mare era piatto e calmo. Poi ho preso una medusa con un braccio e sono uscito. 
Ho rivisto i miei per pranzo, era da Natale che non li vedevo e mi hanno detto che sono cambiato, e dovrei farmi la barba. 
Io ho risposto di si.
Dovrei proprio. 

image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.