cose di valore

Mi sta sul
cazzo invecchiare
sembra che più diventi adulto meno ti stupisci delle cose
ti iniziano ad interessare
delle inutili stronzate
dai valore ai soldi
alla carriera
ai ben di consumo

Ricordo un giorno
era estate
un professore mi disse
dovresti andare a lavorare così impari il valore dei soldi
me ne stavo a guardare le nuvole passare sopra la testa
senza preoccuparmi delle inutili stronzate della scuola e degli adulti
dovresti andare in fabbrica come mi aveva mandato mio padre
c’era un’aria calda e le api ronzavano sulle margherite
ti farebbe bene così dai valore al tempo
c’erano queste nuvole che se ne andavano e le giornate erano lunghe e
mi
svegliavo prestissimo
passavo ore nei boschi
impara l’importanza dei soldi diceva
l’aria era pulita
quando si alzava il vento le colline sembravano parlare
il professore se ne stava li a insegnarmi la vita
e io lo guardavo
gli occhi grigi
la voce catarrosa di tabacco
la bocca non rideva da un sacco
era lì ad insegnarmi
era rispettato da tutti diceva di sè stesso

chissà se ha
portato i valori con sé
chissà tutti i soldi guadagnati in estate in fabbrica se li ha spesi o se li ha
risparmiati
nascosti sotto il materasso
chissà in che bara è stato seppellito adesso
magari è una bara in pregiato noce
intarsiato
a vedere dal suolo non lo so
chissà i vermi che lo stanno mangiando se sanno che era una persona
rispettabile
o un lurido bastardo
chissà se i fiori che hanno piantato sono veri
perché sembrano finti
come se nessuno avesse voglia di cambiarli
crisantemi
di plastica
magari costano parecchio
magari hanno un grande valore

quando chiudo la porta della mia stanza
non voglio diventare grande
come
quando piove
e sono felice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.