+ MERCHANT SHIPS +

Se c’è un posto dove non succede un cazzo, quello è l’Indiana.
Campi di grano sterminati, qualche zoticone alcolizzato, qualcuno ha la macchina truccata a casa.
Assieme
ad Iowa e Illinois è il granaio d’America, la gente vede le partite di
football e di basket. Per il resto è un posto freddo e piatto, con
l’ottanta per cento delle persone che credono in dio e la pena di morte
ancora legalizzata.

image

Nel mondo della musica senti parlare
di solito solo di Costa Est o Costa Ovest. L’indiana è nel centro, non
succede mai veramente un cazzo, e questo contesto di noia terribile e
appiattimento culturale può dar vita, a volte (rare), a band della
madonna, come i Merchant Ships.

A
volte si dice di non giudicare dall’apparenza. E in effetti dalle foto
ai personaggi di questa band diciamo che non è che ti viene da tremare
alle ginocchia. Sono un gruppo di classici bravi ragazzi, per non dire
sfigati, che si ritrovano il sabato sera a giocare ai videogames.

Tuttavia
come spesso una ex compagna di scuola che non cagavi diventa una
strafiga, o semplicemente come non ci si aspetti, basta una canzone per
capire che i Merchant Ships non sono persone vuote dentro. I loro testi
sono vividi e grattano la superficie.

I painted a picture of a blue sky
our family (the way we were, before we died)
I hung it in your bedroom, so that you won’t forget:
we used to be so happy, you used to be a kid.


Merchant Ships – Dying

“Ho dipinto un disegno di un cielo blu
la nostra famiglia (per come eravamo prima di morire)
Perdevo tempo nel vostro letto, perché non possiate ricordare:
eravamo così felici, tu eri ancora un bambino.”

image

quando
Michael Gerstein inizia a tirare le corde del basso, quando Dwayne
Robinson inizia a martellare alla batteria e Nick Stutsman inizia a
bastonare la chitarra tutto cambia. Poi Jack Senff inizia a urlare a
squarciagola e tutto è completo.

Ed
è proprio nella voce di Jack Senff che secondo me sta la parte più
straordinaria della band. La sua voce è a metà tra un urlo e un pianto. I
Merchant Ships parlano di cose vere, che succedono.
La loro
semplicità devastante con cui affrontano gli argomenti nei testi è
affascinante e la voce di Jack da cui è quasi impossibile capire le
parole è sconvolgente.

September 9, 2001
Gary and I were skating at a hospital on top of a huge hill overlooking a valley
An ambulance came and took out a dead woman. Gary asked me why she wasn’t moving or blinking. They hadn’t closed her eyes yet
She must have died on the way. A car full of family and friends came in with the ambulance
They
were all crying and hugging each other. One woman screamed hysterically
and grabbed at the woman’s body asking her to wake up
I had to tell Gary that her soul went to Heaven. I didn’t believe a word of it, but I knew it’d be easier for him to understand
Two days from now, at 9 AM, the planes will hit the World Trade Center killing over 3,000 people
I will tell Gary that there is no God, and all of this is meaningless
But today, there is a God. And he has a plan for him
He
doesn’t know it, but a year from now, our family will be torn apart and
I will move far away and won’t see or talk to him for five years
And as we sit on the hood of our car, the sun goes down and he asks me what I want out of my life. I tell him I don’t know

On and on we run away
From the things we are afraid of
On and on we run away
From the things we are afraid of
On and on we run away
From the things we are afraid- of

I
don’t tell him about the dream I had the night before, where I’m riding
in a car full of strangers and singing to some song I’ve never heard
and smoking a cigarette and we swerve off the road and hit a tree
I
go through the windshield and hit the edge of a fence, dislocating my
jaw and flipping me into a wall where my neck is broken, and my skull is
fractured
I bleed to death in excruciating pain
I will have this
dream periodically until I meet all of the strangers, one by one
introducing them all to one another until we are a close group of
friends. I will set these events in motion, and I will die

But today in the warm light of the sunset, I don’t see it. I just see the sunset
I smile back and shake my head
I have absolutely no idea
I am afraid

Merchant Ships – Sleep Patterns

“9 Settembre 2001
Io e Gary stiamo andando in skate verso l’ospedale su per una grossa collina da cui si vede giù la valle
Arriva un’ambulanza e tira fuori una donna morta
Gary mi chiede perché non si muove e perché non sbatte le palpebre.
Le devono ancora chiudere gli occhi.
Deve essere morta lungo il tragitto.
Una macchina piena dei parenti e degli amici arriva con l’ambulanza. Tutti
piangono e si abbracciano. Una donna urla come un’isterica e si aggrappa al corpo
della donna morta chiedendole di svegliarsi.
Dovetti dire a Gary che la sua anima era volata in Paradiso. Non credevo a una
singola parola di ciò che stavo dicendo, ma sapevo che per lui sarebbe stato
più facile da capire.  2 giorni dopo in aereo colpisce il World trade Center ammazzando più di 3000
persone. Dirò a Gary che non esiste nessun Dio, e che sono tutte stronzate.
Lui non lo sa, ma tra un anno la nostra famiglia si sfaccerà e io non vorrò
parlare con lui o vederlo per 5 anni.
Seduti sul cofano della macchina, il sole inizia a tramontare e mi chiede cosa
desidero nella mia vita.
Gli rispondo che non lo so.

Continuiamo sempre a scappare dalle cose di cui abbiamo paura
Continuiamo sempre a scappare dalle cose di cui abbiamo paura
Continuiamo sempre a scappare dalle cose di cui abbiamo paura
Continuiamo sempre a scappare dalle cose di cui abbiamo paura

Non gli dico del sogno che ho avuto la notte prima, stavo guidando una macchina
piena di stranieri e cantavo alcune canzoni che non avevo mai sentito, fumando
una sigaretta prima di sbandare e colpire un albero. Sfondo il parabrezza e
colpisco il guardrail slogandomi la mascella e sbattendo contro un muro col
cranio fratturato e il collo rotto.
Morirò tra dolori lancinanti.
Avrò questo sogno svariate volte finché non conoscerò tutti gli sconosciuti,
presentandoci uno all’altro fino a diventare un gruppo di amici stretti. Metterò
in moto questi eventi e morirò.

Ma oggi nella luce calda del tramonto non lo vedo.
Vedo solo il tramonto.
Ricambio il sorriso e scuoto la testa
Non ho alcuna idea del motivo
Ma sono preoccupato”

I Merchant Ships sono così lontani dall’idea di rock star che rendono
tutti gli idioti capelloni metallari che cantano stronzate mistiche e la gente pitturata in faccia che
si fa i video per MTV ciò che sono: degli idioti.
Perchè riuscire a dire qualcosa di reale, che a che vedere con le emozioni, ti espone ed è difficile.

I
tuoi genitori vorrebbero che ti applicassi nello studio. Magari la tua
famiglia è la classica famiglia del MidWest, che ascolta musica country e
ha un fucile in camera da letto per essere sicuri che nessuno entri
nella proprietà privata.
Prova a spiegargli che quello che vorresti
fare è andare in tour con la tua band da cui non guadagni nulla e che
invece di cantare urla dei testi sulle relazioni familiari che finiscono

Phone calls laced with memories
of what will never be
The judge’s voice is cold and clear
“no more family”

Merchant Ships – Lon Term Relationship were only Cool when Divorce Wasn’t

image

La
band diventerà una delle icone di un sottogenere della musica
emo-screramo ovvero il MidWest Emo. Molte band dopo i Merchant Ships
proveranno a copiare, a prendere spunto e a richiamare le loro sonorità e
la loro attitudine.

La stessa band sarà attiva per soli due
anni (2008/2010) e si scioglierà perchè si va al collage, ci si perde di
vista e tutto il resto.
Due dei membri dei Merchant Ships fonderanno comunque un’altra grande band molto simile, i William Bonney.

image

Il loro LP più famoso si chiama For Cameron. Non ho idea di chi
sia, c’è chi dice il cantante degli Old Grey, ma non si ha certezza. In
realtà è praticamente l’unico vero lavoro della band, in quanto tutti i
precedenti lavori sono stati registrati alla buona in cantina.
Per mio gusto personale però, posso dire che la copertina di For Cameron per
me è una delle più belle di sempre. Non so perchè, ma adoro il taglio e
le espressioni della foto. è un LP da far andare e ascoltare
dall’inizio alla fine.

image

Discografia
LOL Cats Demo (2008, self released)
I Want To Forget About Everything That Ever Happened, Ever (2008, self released)
Bummer Times Demo (2009, self released)
For Cameron (2010, Count Your Lucky Stars Records)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.