difficile come creare dei ricordi

cosa ti ricordi delle persone?
te lo chiedi prima di andare a dormire. Quando sai che dovresti dormire, hai sonno e il tuo corpo dovrebbe riposare. Eppure strappi tempo con i pensieri che non vogliono lasciare il cervello. Arrivano coi bordi sfuocati, ma li prendi per la coda e passi del tempo aspettando che se ne vadano perchè hai troppo sonno. Non credi di star sprecando tempo. Cristo, odio dormire.
Cosa ti ricordi delle persone?

Ricordo il sorriso, la sensazione dello sguardo sulla pelle. La musica ovattata dagli alberi, le parole che escono arricciandosi leggere dai bordi in nylon delle tende. Cammini nel buio e non ascolti nulla in particolare, sei solo concentrato a sentire l’aria calda che soffia a Giugno.
Ti guardi in faccia con i tuoi soci pensando a quanto sangue hai sputato e abbracciandoti riscopri le amicizie, vederli con quella cosa negli occhi ti piace. Molto spesso non c’entra un cazzo cosa stai facendo in senso stretto, ma come ci sei arrivato, cosa ti ha portato lì e ciò che c’è intorno. Le azioni definiscono le persone, cosa facciamo ci delimita come esseri umani. è per questo che l’attitudine giusta conta più di qualsiasi elenco o numero di cose che hai fatto: non esistono indici di performance per l’attidudine della gente.
Le gare sono solo un aspetto marginale se paragonato agli allenamenti e a ciò che c’è dietro.

è difficile quasi come creare dei ricordi.
Ma se ci pensi veramente sul serio puoi provarci. Le medaglie arruginiscono, i ricordi col tempo diventano solo migliori.
Ti addormenti che il tuo letto è solo un minuscolo prato con gli alberi al posto delle pareti e il cielo come soffitto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.